ARCHEOLOGIA MISTERIOSA?

 

Molti monumenti e manufatti delle antiche civiltà si presentano come un vero enigma. Perché furono fatti? Le risposte a tale domanda sono di diverso tenore. Possono anche non esserci, quando gli ‘esperti’ non hanno argomenti o preferiecono ignorare il problema.

Oppure, se lo affrontano, cercano in ogni modo di banalizzarlo, sminuendo ogni possibile dato di interesse. Spesso, sottointesa, aleggia l’idea che “in ultima analisi si tratta di opere primitive”, quindi senza alcun valore di rilievo.

Il pregiudizio è frutto di un condizionamento culturale subito acriticamente a scuola, nelle università, nelle accademie.

I risultati di un simile atteggiamento antiscientifico e miope sono irrimediabilmente gravi: una moltitudine di opere e monumenti di cui si ignora la funzione e il significato, dunque “misteriosi”, rimangono esclusi da studi, da rilevamenti e di conseguenza anche da tutela e valorizzazione.

Un caso emblematico: i monumenti etruschi.

Può sembrare un luogo comune, eppure il fatto è documentato: molti monumenti etruschI sono “inspiegabili”, perché non inquadrabili nella logica del moderno razionalismo. Sfuggono a facili spiegazioni. Via cave, labirinti, pozzi sacri, tumuli, ipogei, cunicoli, l’elenco di opere etrusche emarginate dagli studi ufficiali è lungo. E si tratta invece di monumenti estremamente interessanti, proprio in virtù della loro “stranezza”.

Via cava di Fratenuti (Pitigliano)

Si è constatato che, accanto a insoliti monumenti etruschi, si possono facilmente trovare altri “misteriosi” monumenti, ma di età pre-etrusca. Si dà anche il caso , per esempio con le “vie cave”, di una sovrapposizione di livelli: infatti questi anomali percorsi semisotterranei furono iniziati in età protostorica, e solo in seguito furono riattivati dagli Etruschi che ne fecero le vie sacre delle necropoli. Il mistero, sul perché di questi ciclopici e tortuosi percorsi, rimane comunque da svelare.

Elementi inspiegabili e misteriosi sono rinvenibili nelle opere di tante antiche civiltà, dall’Egitto al Messico, dall’Australia all’India. Esiste un comune denominatore che accomuna tutte queste anomalie e stranezze del mondo antico? Forse sì.

Se oggi la mente dei moderni “esperti” non riesce a capire il perché e il significato di una piramide, un labirinto, un megalite con solchi e “coppelle”, ciò può voler dire che la mente di coloro che realizzarono quelle opere elaborava concetti diversamente dai moderno ‘esperti’. Non è mai esistita una sola e unica forma mentis.

 

 

“solchi di carro” che tagliano il dromos di una tomba (Su Crucifissu Mannu, Sassari)  

Questo sembra essere il cuore del problema che riguarda i cosiddetti monumenti ‘misteriosi’; sono il prodotto di un differente modo di pensare e di vivere. Non sono opere “primitive”, ma soltanto diverse da quelle concepite e prodotte oggi.E sono “misteriose” perché non si è potuto (o voluto), con mente aperta e curiosa, scoprire il tipo di differente concettualità che è stato il loro fondamento.In altre parole: non si è voluto conoscere in profondità il mondo antico, il suo pensiero e le sue realizzazioni. Si è invece voluto, spesso con pervicace ottusità, giudicarlo dal ‘nostro’ punto di vista, svalutando e banalizzando quella diversità di forme e significati che, alla fine, si sono trasformati in cose inspiegabili e aliene: misteri del passato……. da sorriderci sopra con compiaciuta superiorità…?

Un comune denominatore per i misteriosi monumenti delle antiche civiltà è comunque possibile indicarlo:

1)    Furono realizzati e concepiti secondo i canoni di una “scienza sacra” (un insieme di magia, scienza e religione) e non con una scienza tecnologica, razionalista e materialista come quella moderna.

2)    Si tratta di opere sapientemente “accordate” con l’ambiente naturale, in connessione con gli astri, il sottosuolo, le acque e gli altri elementi. Opere prodotte da una dimenticata “scienza” che studiava il territorio e le sue peculiari “qualità”.

Un esempio di quanto espresso sopra, uno tra i tanti lo possiamo trovare nel “mistero” delle linee di Nazca, nel deserto peruviano.

Da quando sono stati scoperti, nel 1939, i geroglifici di Nazca sono stati interpretati in mille modi diversi. Ma il mistero rimane.

Tracciato triangolare di Nazca, nel Perù meridionale (da “Il mistero della genesi delle antiche civiltà” di Alan F. Alford)

Ora, però, un giovane e determinato geologo statunitense, David Johnson, dopo aver passato anni a studiare  quelle grandi figure zoomorfe e geometriche disegnate sulla pampa di Nazca, è giunto ad una interessante conclusione: il primo elemento vitale, in una regione arida e desertica come Nazca, è l’acqua. Secondo Johnson le interminabili linee e le gigantesche figure tracciate al suolo, seguono il percorso di vene sotterranee di acqua.

L’ipotesi sembra attendibile, anche perché è ormai un dato acquisito che un alto numero di monumenti antichi, comprese le chiese cristiane del medioevo, furono erette intenzionalmente sopra corsi d’acqua sotterranei, sia per motivi pratici che spirituali.

Le “linee” di Nazca furono realizzate e concepite secondo i canoni di una scienza sacra: la tradizione popolare andina li considera luoghi sacri, dove gli antenati si riunivano per processioni rituali e dimenticate cerimonie sacre. Le “linee” di Nazca furono altresì “accordate” con l’ambiente naturale; un accordo del tutto speciale che produsse la capacità di individuare l’invisibile percorso, sotto la terra, del prezioso e vitale elemento liquido.

 

2 comments to ARCHEOLOGIA MISTERIOSA?

  • salvatore Anzalone

    vi seguo da poche settimane ed ho trovato gli intervnti del vostro gruppo veramente interessanri. Dove vivo io, nella pate sud della provincia di Roma, ho trovato siti quasi fotocopia di Pian dei Conati tanto che le foto da me fatte si potrebbero sovrapporre a quelle da voi pubblicate. Sarei interessato a contattare qualcuno del vostro gruppo.

    • aconti

      La ringraziamo della sua segnalazione. Siamo molto interessati ad approfondire l’argomento. Può inviarci qualcuna delle foto di cui parla? La nostra e-mail è tages@email.it.
      Le diamo le indicazioni di un “esperto” del nostro gruppo che vive a sud di Roma: Sandro Pravisani, cellulare 3474929087 e numero p.e.
      sandropravisani@gmail.com.
      Cordiali saluti

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>